cile

COMUNICATO STAMPA

L’arresto di Jorge Nestor Troccoli a Battipaglia, ex membro dell’intelligence uruguayana,  è un fatto importante ma che purtroppo non ha avuto il risalto adeguato e che avrebbe meritato.

Incominciamo a dire che l’arresto è stato eseguito perchè lo scorso 9 luglio la Cassazione ha confermato la condanna all’ergastolo per lui e altri 12 coimputati militari Uruguayani, di 3 peruviani  e di 7 cileni.

L’avvocato Arturo Salerni, ha dichiarato “è una pronuncia importante che chiude un percorso di verità e giustizia avviato molti anni fa. La giustizia italiana ha scritto una pagina importante nella battaglia per la condanna dei crimini contro l’umanità e per la tutela dei diritti umani. Si è compiuto un percorso di approfondimento di ciò che è avvenuto in America Latina in quegli anni. I familiari delle vittime attendevano giustizia e – conclude – il fatto che sia arrivata dal nostro Paese è un passaggio importante che ha una valenza storica“ (Il Fatto Quotidiano online del 9/7/2021) .

NON E’ UN CASO che Troccoli fosse nel salernitano da tanto tempo. Evidentemente certe “reti” di solidarietà funzionano ancora.

Quello che si sottovaluta è cosa era e cosa ha significato “l’operazione Condor”.

In sostanza era un sodalizio di milizie, composte per lo più da militari e servizi segreti foraggiati da una sorta di “coordinamento” delle dittature fasciste del sud America (alla faccia di chi si ostina a dire che il fascismo non esiste più, e che bisogna dimenticare il passato e altre amenità del genere e che abbiamo sentito dire e sorbirci ancora una volta di nuovo pochi giorni fa),  che tra loro si “supportavano” per eliminare gli oppositori politici (tra cui alcuni cittadini italiani che vivevano li) e che avevano il supporto pieno dell’amministrazione americana e dalla Cia in modo particolare. Operarono soprattutto in  Cile, Argentina, Bolivia, Brasile, Perù, Paraguay e Uruguay.

Diversi fascisti italiani implicati nella lunga stagione della “Strategia della tensione” (Piazza Fontana 12 dicembre, piazza della Loggia, Italicus e tantissimi altro ancora ) che fuggirono in sud America ebbero ANCHE da quel circuito e da quelle dittature appoggi e sostegni.

Tutto ciò dimostra che il nostro territorio ancora oggi è un luogo “privilegiato”. L’attenzione e la tensione antifascista non può essere attenuata.

Il mondo dell’associazionismo democratico e le forze politiche antifasciste devono riprendere e ricostruire una attenta “vigilanza democratica” partendo anche dal fatto che “certe passeggiate” con i loro rituali noti che ogni anno a luglio assistiamo nella nostra città non possono essere più tollerati.

Angelo Orientale

Salerno,13/7/2021

 

5 x 1000

In riferimento alla vigente disciplina sulla tutela della privacy, informiamo che l’indirizzo di posta elettronica del destinatario è utilizzato esclusivamente per inviare informazioni di carattere politico‑sociale e senza alcuna finalità commerciale, ed è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o da una e‑mail ricevuta dall’indirizzo del mittente. Informiamo inoltre che il destinatario ha l’insindacabile diritto di modificarlo, aggiornarlo o cancellarlo dai nostri archivi semplicemente scrivendo a info@memoriainmovimento.org  oppure utilizzando il form presente in questa pagina.